Venerdì, 30, Set, 6:13 PM

Social Network :

BREAKING NEWS
Gli agenti UnipolSai scelgono Adriatic, nuovo mandato per l'agenzia del Gaa presieduto da Enzo Sivori. Demozzi (Sna): Cresce il plurimandato
Ga-Gi, finisce in tribunale la diatriba sulla rielezione di Vincenzo Cirasola alla presidenza del Gruppo aziendale storico della galassia Generali
Groupama partecipa al "Dive In Festival" sul tema della diversità e dell’inclusione. La solidarietà è al centro della mission di Sna
Arriva Skillab, l’Accademia di Vittoria Assicurazioni, operativa dal mese di ottobre. Lo Sna guarda con prudenza e va oltre

 

MILANO - Nel I trimestre 2022, la raccolta premi non supera i 37,5 mld di euro, secondo i dati Ivass , registrando così un calo del -5,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (2021). Sempre secondo il bollettino statistico dell'Istituto di vigilanza sulle assicurazioni, la raccolta premi delle imprese vigilate Ivass (Vita e Danni) raggiungerebbe i 34,7 miliardi, registrando un calo del -6,3% su base annua.
Secondo il Presidente Sna Claudio Demozzi sarebbe il lavoro nazionale degli agenti a assegnato alla raccolta, visto che i premi Danniregistrano un +4,6% (per un totale premi raccolti di 10,2 miliardi di euro). “Si tratta - precisa Demozzi - del segmento nel quale gli agenti detengono la quota di mercato più rilevante tra i canali distributivi, a riprova dell'efficacia del canale agenziale rispetto a tutte le altre modalità distributive delle polizze, in Italia.
Quasi il 70% della raccolta premi Danni è intermediata dalle agenzie tradizionali, con punta di quasi l'85% per le polizze Rcauto”. A perdere terreno è il ramo Vita , che registra un calo dell'8,8% rispetto al primo trimestre dello scorso anno. I premi complessivi raccolti nel Vita si fermano ad € 27,3 miliardi. Hanno perso 1,5 Miliardi di premi Vita gli sportelli bancari e postali, hanno perso 770 milioni di premi Vita i consulenti/promotori finanziari.
Nel Danni, le “altre forme di vendita direttatelefoniche e internet” (continua a vedere ridotta la loro quota di mercato. L'iper-concentrazione del mercato nazionale continua a caratterizzare il mondo delle polizze nel nostro Paese: nel settore vita, le prime 10 imprese su 67 operanti detengono il 65% della raccolta premi complessiva; l'impresa più rilevante raccoglie il 19%. Nel settore Danni, le prime 10 imprese delle 128 operanti raccolgono il 59% del portafoglio totale.
“I dati futuri a confermare le nostre previsioni - commenta il Presidente Demozzi- e sono ben dalle previsioni di alcune note di consulenza che da anni pronosticavano tutt'altri scenari! Molte compagnie hanno inseguito obiettivi campati in aria, trascurando di rafforzare il legame e fiduciario con la loro vera risorsa fondamentale e cioè con le agenzie economiche. Anche l'Associazione delle imprese (Ania) ha recentemente dimostrato i propri limiti di visione, interrompendo i lavori del Tavolo Sna/Ania per il rinnovo dell'Accordo Nazionale Agenti 2003, scaduto da tempo, perdendo l'importante opportunità di rinnovare, rafforzare il legame naturale con il canale principale distributivo e cioè con gli agenti. Non è negando i diritti consolidati degli agenti - ha concluso Demozzi - che l'Associazione delle imprese potrà osare nuovo impulso alla stretta collaborazione agenti-Imprese, essenziale per un reale sviluppo di questo settore economico, fermo ormai da troppo tempo”.
La Redazione

GRUPPI AZIENDALI ACCREDITATI SNA

ARCHIVIO NOTIZIE